radio italia anni 60 merano festa dell'uva

La tradizione sudtirolese interpretata con stile e novità per famiglie e buongustai: è così che si annuncia la Festa dell’Uva 2018. Il momento culminante dell’autunno meranese sarà più che mai una festa per tutti, per la gente del luogo e per gli ospiti. Tutti gli spettacoli all’aperto saranno gratuiti

Misure in nome della massima sostenibilità ambientale e varie innovazioni riusciranno a incuriosire anche chi frequenta la manifestazione da più edizioni. Senza naturalmente rinunciare alle “colonne” dell’evento: le saporite specialità gastronomiche sudtirolesi, il buon vino, la musica popolare (anche in versione sperimentale) e il fruttato aperitivo Uwo.
Il 18 ottobre, il Kurhaus ospiterà l’Herbert Pixner Project.
Sonorità più sofisticate, arrangiamenti ancora più sperimentali e una nuova scenografia sono gli ingredienti dell’“elecrtifycing-Tour-2018”, progetto musicale di un artista del calibro di Herbert Pixner.
Attesa novità di questa edizione è l'iniziativa "Merano Wine Festival meets Festa dell'Uva di Merano", un percorso di degustazione di vini altoatesini e prodotti locali che si terrà sabato e domenica sul Lungo Passirio. Da annotare anche il teatro di burattini "MÄH" sabato in piazza Duomo per bambini dai 3 anni (per spettatori di qualsiasi madrelingua). Il tendone delle feste della compagnia Schützen quest’anno sarà allestito nel parcheggio del Kallmünz: tornerà a offrire gastronomia tradizionale e intrattenimento musicale.
Ognuna delle tre giornate ha un suo focus tematico.
Il venerdì è il giorno dell’apertura sublimata dalla festosa inaugurazione con il taglio del grappolo.
Il sabato è dedicato alle famiglie e agli amici con il laboratorio artigianale autunnale per bambini, il teatro dei burattini e vivace musica alpina, dal folk al brass. La domenica sboccia nel segno della tradizione, con i concerti delle bande musicali sudtirolesi e l’apice della festa: la grande sfilata dei carri allegorici, delle formazioni musicali e dei gruppi folkloristici.
Nella festa ci si immerge pienamente indossando il Tracht o il Dirndl, i costumi tradizionali.

TAG ASSOCIATI
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.