Incontra: un progetto di coabitazione che rende autonomo chi è più fragile
Domenica, 24 Marzo 2019 19:29
Un progetto che è più che altro una visione, un modo di intendere la comunità come legame attivo tra le persone e come partecipazione ad un lavoro di rete, oltre che un’opportunità per accompagnare chi vive disagi o fragilità ad assumersi responsabilmente il proprio programma di vita: è “Con-tatto”, un’idea di soluzioni abitative permanenti per persone di diverse età e condizioni che, nonostante le difficoltà, hanno un buon grado di autonomia e sono in grado di avviare un percorso di crescita sostenuti da forme di assistenza “leggera”. Lo ha presentato recentemente a Breguzzo Monia Bonenti e Mariano Failoni, rispettivamente presidente e direttore della cooperativa Incontra, al presidente della Provincia Maurizio Fugatti, al vicepresidente Mario Tonina e all’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana. Il progetto sviluppa l’esperienza di assistenza che la cooperativa porta avanti da anni nel settore del sociale, lavorando sull’autonomia di vita di delle persone con disabilità, a volte privi di supporto familiare, e di persone seguite dai servizi per la salute mentale o per le dipendenze, di giovani ospitati nei centri per minori e di adulti con problemi di fragilità relazionali e cognitive o semplicemente in difficoltà e per questo sostenuti in percorsi d’inserimento lavorativo.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.